I ragazzi di via Buonarroti 29

I ragazzi di via Buonarroti 29

domenica 2 dicembre 2012

Historia Magistra. Rivista di storia critica, direttore Angelo d'Orsi, n.7 2011. I ragazzi di via Buonarroti. Incontro con Vera Michelin-Salomon, di Massimo Sestili.

Vera Michelin-Salomon
Titolo:
Resistenti a Roma. Una storia esemplare
I ragazzi di via Buonarroti 29
Incontro con Vera Michelin-Salomon
Autore:
Massimo Sestili
Title:
The Resistance in Rome. An exemplary history.
The boys of Via Buonarroti 29
An encounter with Vera Michelin-Salomon
Author:
Massimo Sestili

Per leggere o acquistare l'articolo clicca qui



ABSTRACT IN ITALIANO

Resistenza a Roma – Occupazione tedesca di Roma  – Partigiani a Roma – Vera Michelin-Salomon – Deportati in Germania – Fosse Ardeatine

La storia dei cinque ragazzi di via Buonarroti 29 è emblematica di quanto accadde a Roma durante i nove mesi di occupazione da parte dell’esercito nazista (settembre ’43-giugno’44), delle diverse forme di resistenza che si sono sviluppate nella città, dei diversi ambienti sociali e politici antifascisti che vi hanno partecipato, di come tanti ragazzi che non hanno partecipato ad azioni di guerra clamorose si siano schierati per la libertà ed abbiano pagato duramente con il carcere, la deportazione e la fucilazione il loro impegno antifascista. Dei cinque ragazzi, Paolo Petrucci verrà trucidato alle Fosse Ardeatine. La testimonianza di Vera Michelin-Salomon, oggi presidente dell’ANED di Roma, aggiunge un importante tassello oltre che alla conoscenza della vicenda dei cinque ragazzi, anche alla storia della resistenza romana, troppo spesso compressa nella sola eclatante e legittima azione di guerra di via Rasella.

ABSTRACT IN INGLESE

Resistance in Rome – German occupation of Rome – Partisans in Rome – Vera Michelin-Salomon – Deportees in Germany – Fosse Ardeatine massacre


The history of the five boys living in Via Buonarroti 29 is emblematic of what happened in Rome during the nine months of military Nazi occupation (September ’43 -  June ’44), of the different forms of resistance that took place in the city, of the different social and political antifascist environments that participated in it, of how lots of boys, who did not participate in resounding war actions, aligned themselves for freedom and paid harshly with jail, deportation and execution for their antifascist involvement. Paolo Petrucci, one of the five boys, was slaughtered in the Fosse Ardeatine massacre. The account of Vera Michelin-Salomon, nowadays Rome ANED’s (National Ex-Deportees Association) president, adds an important element, not only to the knowledge of the five boys affair, but mostly to the history of Roman Resistance, too often reduced in to the single resounding and legitimate war action in Via Rasella.   

Nessun commento: