I ragazzi di via Buonarroti 29

I ragazzi di via Buonarroti 29

giovedì 26 aprile 2012

Jules Verne, Un dramma in Livonia, a cura di Massimo Sestili e Giuseppe Panella. Recensione di Nazione Indiana.




Assente in Italia da trent'anni, torna il romanzo scritto nel 1904 da Jules Verne; l'opera che allegoricamente rimanda alla vicenda più inquietante della storia francese moderna, quell'affaire Dreyfus che sconvolse la Francia dal 1894 al 1906.

Un dramma in Livonia è una delle opere narrative meno conosciute del genio di Nantes, ma un piccolo capolavoro dentro il quale si fondono alcuni elementi e fanno materia da letteratura indimenticabile: riflessione politica, intreccio poliziesco, dramma sentimentale.

Dimitrif Nicolef è il paladino del panslavismo in Livonia accusato dell'uccisione di un corriere postale che trasporta il denaro degli avversari politici, i banchieri di stirpe tedesca Johaunsen. In uno scenario naturale che è fatto di grigio boscoso e fughe misteriose, e lupi che cercano.

Questo racconto di Verne permette di fare i conti con le ingiustizie, e grazie a una trama profumante di paesaggi e personaggi porta nelle vicende per trovare il nostro posto nella storia e nella Storia.
Togliere dall'oblio nel quale il mercato italiano aveva fatto sprofondare il libro, era necessario. Per lettrici e lettori d'Italia adesso la bellezza di scoprire pezzettini meno noti del classico Verne.

I curatori:

Massimo Sestili, ha pubblicato fra le altre cose L'errore giudiziario. L'affaire Dreyfus, Zola e la stampa italiana (Mobydick – 2004); Bernard Lazare, Contro l'antisemitismo (Datanews – 2004); Bernard Lazare, L'antisemitismo. La sua storia e le sue cause (Altrimedia Edizioni – 2006); emile Zola, L'affaire Dreyfus (Giuntina, Firenze, 2011).

Giuseppe Panella, docente presso la Normale di Pisa, ha pubblicato numerose opere di saggistica e poesia, fra gli ultimi libri: Èmile Zola. Scrittore sperimentale. per la ricostruzione di una poetica della modernità (Solfanelli – 2008), con Giovanni Spena e Remo Bodei, Il lascito Foucault (Clinamen – 2006).

Per acquistare il libro clicca qui
Massimo Sestili clicca qui 

Nessun commento: